Passa ai contenuti principali

La castagnata e "Insolito" di Azienda agricola Teresa Soria

La stagione delle castagne è iniziata.... purtroppo non è delle migliori a causa di un insetto proveniente dalla Cina, il  quale ha creato non poche problematiche soprattutto in centro e sud Italia. Si parla addirittura di un calo del 90% per quanto riguarda la raccolta in tali zone del nostro paese rispetto l'anno scorso.
Noi fortunatamente anche quest'anno siamo riusciti ad assaporare questo frutto autunnale. La raccolta l'abbiamo fatto nei boschi del paesino dove ci rechiamo in estate (basso Piemonte): Fontanachiusa ligure.

                                                                             

                                                                                    




Come potete vedere più che boschi sono delle vere e proprie foreste. Sono boschi non curati anche se fanno quasi parte del Parco dell'Antola. Purtroppo le persone che un tempo li curavano non ci sono più  e ora i giovani si dedicano a tutt'altra cosa. 





Anche Birba ci accompagna in queste escursioni e si diverte anche lei a cercare (mangiare) le castagne.





Lui è Edoardo, mio marito e compagno di avventure. Messo sotto a raccogliere le castagne. Con guanti naturalmente... perchè i ricci non sono molto simpatici....






A causa della luna in ritardo di un mese il bosco è ricco anche di una miriade di funghi (purtroppo molti non commestibili, fate attenzione!). 





Naturalmente ho raccolto anche io le castagne, "equipaggiata"  delle mie scarpine con carrarmato antiscivolo.




Questo è parte del nostro bottino, non troppo grosse ma veramente buone.... ed ecco la loro fine....









Cosa c'è di più buono di castagne cotte sulla stufa accompagnate da un buon bicchiere di vino bianco.... noi abbiamo fatto l'abbinamento con il vino bianco "Insolito" dell'Azienda Agricola Teresa Soria... un  mix tra un vino bianco e il moscato.... un moscato secco davvero eccellente.
Ottimo anche come aperitivo. 

Vi lascio i link per info e contatti




Commenti

  1. Uh le castagne *_* io le amo!

    http://angolodellamisantropia.blogspot.it/

    RispondiElimina
  2. Le castagne sono buone, ma il vino ancor di più.... :)

    RispondiElimina
  3. amo l'autunno, amo le castagne!! bellissimo post :*

    RispondiElimina
  4. ecco perchè sono così care quest'anno...che peccato, a me piacciono tantissimo e le ho già comprate, non ci rinuncio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è vero sono carissime..... speriamo che i boschi vengano risanati..... dove vado io in montagna non vedo mai nessuno a controllare eppure fa quasi parte del Parco, è una zona limitrofa....

      Elimina
  5. Il tuo post mi ha fatto venire una gran voglia di castagne *_* che buone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono piccine ma buonissime, e il vino è spettacolare!!!!

      Elimina
  6. Che buone le castagne, quest'anno ancora devo provarle. Ora ne mangerei una manciata volentieri

    RispondiElimina
  7. Che bello questo posto, deve essere una bellissima tenuta, mi piacciono le castagne, che belle queste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parco dell'Antola un patrimonio della Liguria opposto all'altro parco (a ponente) che è il Beigua. Bontà per l'olfatto e la vista... due Eden. Qualsiasi escursione Ti resta nel cuore e Ti riempie gli occhi.

      Elimina
  8. Volevo spendere due parole per l'INSOLITO vino di Teresa Soria che non poteva avere nome più azzeccato. L'INSOLITO è un vino particolare a metà strada tra il vino fermo ed il moscato. Si sposa DECISAMENTE con le castagne arrostite! Prima arriva al palato il moscato e poi l'armonia del vino che riempie a tondo la bocca e delizia il palato. Una chicca! Mai assaggiato nulla di simile....

    RispondiElimina
  9. Hai ragione, purtroppo anche al nord Italia è arrivato questo insetto della Cina facendo uma strage di castagne. I nostri comuni hanno liberato un insetto che mangia quello della Cina. E dovresti vedere come sono belle e grosse quest anno!!

    RispondiElimina
  10. mmmmmmmmmm...buone le castagne...accompagnate con ottimo vino ancor meglio...prima andavo spesso anche io a prendere le castagne sull'Etna...chissà magari quest'anno tornerò a fare una bella castagnata :D

    RispondiElimina
  11. Mamma mia quanto amo le castagne !! Ps che luogo incantevole !

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Privacy e cookies policy

I l Garante della Privacy ha recepito una Direttiva Europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia la politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione. Si aggiunge dal 25 Maggio 2018 il nuovo Regolamento Europeo in materia di Protezione dei Dati Personali ( GDPR ), approvato e adottato dal Parlamento europeo nell' aprile del 2016. Sostituisce la Direttiva 95/46/CE sulla protezione dei dati. L' obiettivo del GDPR è quello di raggiungere un livello elevato di protezione dei dati nell' ambito dell' UE e di proteggere tutti i cittadini dell' UE dalle violazioni alla privacy e ai dati. Cosa significa in pratica?  Ogni titolare di sito web/blog, deve Informare i suoi Utenti, in maniera Esplicita, su come vengono trattati i Dati Personali. In questa pagina sono descritte le modalita' con cui le informazioni personali vengon

Pitti Fragranze 2015: 38°N 16°E Italia di Richard Lüscher Britos

La fragranza di oggi è 38°N 16°E Italia di Richard Lüscher Britos                                                                                 I profumi Richard Lüscher Britos sono 100% naturali. 75% dei componenti sono biologici. I profumi sono inoltre privi di additivi sintetici 38°N 16°E: Italia - Bergamotto, Fiori d’arancio, Sandalo  • Quale leggenda si cela dietro al dolce profumo di questo frutto dorato?  • Da dove proviene il profumo mielato della primavera calabrese?  • Quali profumi provenienti da altre culture si incrociano armoniosamente con quelli delle tradizioni calabresi?  Jean-Claude Richard, il fondatore della ditta Farfalla, è l’artefice di questo profumo. Esperto in osmologia, si dedica da più di 30 anni alla creazione di profumi naturali. Accord I - The Golden Fruit Con il suo aroma fresco eppure dolcemente fruttato, l’olio di bergamotto – estratto dalle scorze dell’agrume giallo brillante – è una delle migliori essenze del mondo. I locali ci hanno raccontato ch

Olio di Baobab, una vera coccola per la pelle......Les Huileries du Sahel!

Oggi vi presento la mia nuova collaborazione con Les Huileries du Sahel , un prodotto nuovo, un olio per il corpo e per i capelli ottenuto dal Baobab . L'olio Baobab    è un potente antiossidante che previene le smagliature, migliora l'elasticità della pelle e promuove la rigenerazione dei tessuti. Il Baobab è l'albero nazionale del del Madagascar e del Nepal. USI DEL BAOBAB Le foglie sono usate come vegetale commestibile in tutte le aree di distribuzione del continente africano, compresi il  Malawi , lo  Zimbabwe  e il  Sahel . Sono mangiate sia fresche che sotto forma di polvere secca. In  Nigeria , le foglie sono localmente note come kuka, e sono usate per produrre la zuppa di kuka. La polpa secca del frutto, dopo la separazione tra i semi e le fibre, viene direttamente mangiata o mescolata nel  porridge  o nel  latte . I semi sono usati principalmente come addensante per le zuppe, ma possono anche essere  fermentati  in  condimenti ,  arrostiti  per un