Nuova collaborazione Les Anis de Flavigny

21:39 Greta Giordano 6 Comments

Buonasera, oggi vi parlo di un bonbon con cuore di anice che viene fabbricato a Flavigny, nell'antica abbazia.

Vi invito a scoprire la bella storia di queste caramelline...   
 



TRATTO DAL SITO

Le caramelle Anis sono bianche, dure e grandi quanto piselli. Senza OGM, senza aromi artificiali, senza coloranti, senza dolcificanti: semplicemente un seme di anice, zucchero e un aroma naturale.

Un seme di anice....


La caramella è fabbricata con anice verde.
Questa pianta và distinta dal finocchio o dall'anice stellato.
E' un'ombrellifera e i suoi piccoli frutti ovoidali striati longitudinalmente, hanno un sapore caldo, pungente ed un odore notevolmente aromatico.
I semi vengono scelti nel mese di agosto, dopo il raccolto, in provenienza dalla Spagna, dalla Tunisia, dalla Turchia, dalla Siria.



....zucchero....

 

I semi vengono messi in grandi bacinelle e viene fatto scorrere uno sciroppo di zucchero (acqua e zucchero) sui semi che rotolano e  a poco a poco si ricoprono di sottili strati di sciroppo, un pò come palle di neve che si ingrandiscono a mano a mano che scivolano lungo una pendenza innevata.
Si tratta di un lavoro delicato e paziente, l'artigiano impiega 15 giorni per trasformare il piccolo seme di due milligrammi appena in una caramella di un grammo.
Dalla scoperta della barbabietola  (1575) viene usato lo zucchero fresco. Prima veniva usato lo zucchero di canna.
Vengono sempre preparate le Anis con zucchero di canna non raffinato, in una confezione certificata biologica da Ecocert.

....e un aroma naturale



Les Anis de Flavigny hanno dieci aromi naturali diversi: anice, ribes, limone, fiore d'arancio, zenzero, mandarino, menta, liquirizia, rosa e violetta.
Dopo la caramella Anis all'anice, venne l'Anis alla rosa seguita da altri aromi.
Nel 1800, le Anis de l'Abbaye de Flavigny esistevano già in una generosa varietà di aromi.
Gli aromi naturali sono estratti da vegetali tramite distillazione al vapore acqueo o all'alcol.
per la menta, le foglie vengono depositate in un alambicco, l'acqua è quindi riscaldata. il vapore acqueo che si sviluppa in tal modo attraversa le foglie e si carica dell'olio essenziale di menta. L'olio essenziale trattenuto dopo il passaggio nel collo di cigno, quando il condotto attraversa un bagno d'acqua fredda.
Per fare un litro di essenza naturale di neroli (essenza del fiore d'arancio), occorre una tonnellata di petali di fiori di arancio. Per fare un litro di essenza naturale di rosa, occorrono due tonnellate di petali di rose.     

Tre generazioni di Troubat, sostenute da 20 persone

Nel 1923, Jean Troubat riprende la fabbrica di caramelle Anis, succedendo alla famiglia Galimard.
Vuole vendere le Anis nei primi distributori automatici delle stazioni e delle metropolitane. le distribuisce anche nei primi "grandi magazzini" di Parigi, nei luna-park e nei cinema. Nel 1928, vengono fabbricate 80 tonnellate di Anis e vengono esportate già negli Stati Uniti e in Canada, in Algeria e un pò in tutta l'Europa,
Nel 1965, Nicolas Troubat, prende il posto di suo padre. La produzione sale da 80 a 250 tonnellate all'anno. La caramelle Anis de l'Abbaye de Flavigny sono distribuite nelle autostrade e nei grandi magazzini di Borgogna.
Dal 1990 è la volta di Catherine Troubat, insieme ai suoi tre fratelli e sorelle, tutti associati alla testa dell'azienda. Les Anis ora sono distribuite nei centri botanici, nei negozi di prodotti biologici, negli aeroporti e nelle stazioni.

Una bella storia d'amore.... 



       

Anis è un  confetto e come tutti i confetti è il simbolo degli auguri di felicità e di fecondità che familiari e amici rivolgono ai giovani sposi.
La condivisione di una caramella che racchiude nel segreto del suo cuore  un seme d'anice ci parla d'amore.
Le litografie e le illustrazioni sono state disegnate da vari fabbricanti  di Anis del'Abbaye de Flavigny.
Se l'immagine del pastore e della pastorella è cambiata, lo è in modo quasi impercettibile, seguendo il suo stesso ritmo.
La giovane coppia talvolta si trattiene con pudica distanza. Altre volte si stringono con più golosità.

.... narrata nelle custodie di cartone e nelle scatole ovali



 


Le prime confezioni delle caramelle Anis de l'Abbaye de Flavigny sono state a lungo astucci di cartone.
Negli anni 1950, quando si sviluppò la vendita delle Anis nei distributori automatici, serviva una scatola solida poichè doveva venir giù dalla macchinetta, così apparve la prima scatolina di metallo, inizialmente tonda, quindi ovale.
A poco a poco tra il 1970 e il 2005 si sono aggiunte nuove scatoline al caffé, alla cannella, al gelsomino, al fiore d'arancio, alla rosa, alla liquirizia e alla vaniglia.
Nel 2002, è stata appositamente creata, una collezione per la linea biologica.
Nel 2006, è stata progettata una nuova collezione per illustrare la storia dell'incontro del pastore e della pastorella.
Nel 2009, il pastore e la pastorella seminano l'amore con il sacchetto di degustazione, nei caffé, negli alberghi e nei ristoranti.       


Apprezzate in tutto il mondo 


 
 


Si trovano un pò ovunque: nei negozi di dolciumi, nelle panetterie, nelle cioccolaterie, nei generi alimentari, dai cavisti, dai rosticceri, in negozi di prodotti regionali, nel reparto dolciumi dei grandi magazzini, nei tabacchi e nelle edicole, in alcune farmacie, nei centri di giardinaggio, nelle stazioni di servizio, in internet e nei cataloghi di vendita per corrispondenza, nelle bancarelle delle fiere.
Le caramelle Anis si esportano in tutto il mondo: Stati uniti, Canada, Brasile, Giappone, Corea, Cina, Germania, Olanda, Belgio, Svizzera, Svezia, Finlandia, Italia e in alcuni Paesi d'Africa.

Domani non perdetevi la bella storia d'amore  e i prodotti di questa azienda mi raccomando.... :D
 
  




Potrebbe piacerti anche...

6 commenti:

  1. saranno sicuramente buone non le conoscevo prima

    RispondiElimina
  2. Non le conoscevo, mi sembrano buone , belle anche le scatoline.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me questi confettino fanno tornare un po' bambina... :)

      Elimina
  3. Non le conosco, ma sono sicuramente buone ed hanno una bella scatola:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono buonissime, e la loro storie e lavorazione e' molto interessante... :)

      Elimina